Indagine sull'aggregato delle principali società italiane (aggiornamento annuale rilasciato nel mese di settembre). La prima elaborazione di dati cumulativi di società risale al 1962 e fu commentata nella Relazione del Consiglio di Amministrazione di Mediobanca nel bilancio di quell'anno. Si tratta di un'indagine annuale sulle principali società italiane che ha lo scopo di metterne in evidenza le principali tendenze gestionali e patrimoniali nell’ultimo decennio. L'opera comprende tutte le grandi imprese operanti nell'industria e nei servizi considerate - per garantire l'omogeneità dei raffronti - come insieme "chiuso" di aziende nel periodo di rilevazione. Per la raccolta dei dati e per una corretta elaborazione si ricorre alla collaborazione delle stesse imprese. Vengono elaborati dati aggregati sui conti economici, sugli stati patrimoniali e su altre principali grandezze (investimenti, aumenti di capitale, dividendi, esportazioni, forza lavoro, ecc.). Gli aggregati sono disponibili per proprietà (imprese pubbliche e private, società a controllo estero), dimensione (quarto capitalismo) e settore di attività. Non è prevista la diffusione di dati sulle singole imprese costituenti gli aggregati oggetto di pubblicazione. L'indagine è rappresentativa dell'andamento delle grandi imprese italiane (quelle con una forza lavoro superiore alle 499 unità), relativamente alle quali la copertura è pressoché totale. E’ compreso anche un insieme di aziende del quarto capitalismo, considerando tali le società controllate da gruppi familiari che nell'ultimo esercizio di rilevazione non eccedono il limite di 2,99 miliardi di euro di fatturato. Per una rilevazione sull’universo delle medie imprese si veda l'iniziativa congiunta Mediobanca-Unioncamere. Per 980 società vengono fornite le statistiche storiche con dati dal 1968. ISSN 1721-3533